News

0

“Ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo solo una volta: essa ripete all’infinito meccanicamente ciò che non potrà mai ripetersi nell’esistenza. In essa, l’accadimento non trascende mai verso un’altra cosa: essa è il Particolare assoluto, la Contingenza suprema. […] Qualunque cosa essa dia a vedere e quale che sia la sua maniera, una foto è sempre invisibile: ciò che noi vediamo non è lei. […] Infatti, io non vedo altro che il referente, l’oggetto desiderato, il corpo prediletto. ”

Roland Barthes

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *