News

0

Credo di aver passato la maggior parte della mia vita fotografica scegliendo il valore di ISO prima di uscire per una sessione fotografica, comprando la pellicola nel secolo scorso e impostando manualmente il valore giusto tra le innumerevoli scelte elettroniche.

Ho sempre cercato di mantenere i valori di ISO più bassi possibile per garantirmi immagini di alta qualità, il più possibile senza rumore elettronico e ho sempre considerato un mio preciso dovere la scelta manuale della ISO, lasciando l’uso dell’AUTO-ISO ai principianti…

Di recente ho iniziato a fotografare con l’AUTO-ISO, perché… più semplice! Ho scoperto infatti che la mia macchina limita il valore di ISO a 400, che sceglie sempre un valore di ISO sufficientemente basso e che la differenza in termini di rumore tra 100 e 400 non è così drammatica: quasi non si nota soprattutto se penso di scattare in bianco e nero.

Il vero grande vantaggio è che la macchina sente se il tempo di scatto è troppo lungo per la lunghezza focale e solo in quel caso passa ad una ISO maggiore tenendo un tempo di scatto sufficientemente breve: niente più fotografie mosse in caso di brusche e inaspettate diminuzioni di luce!

L’impostazione della AUTO-ISO è quindi terribilmente comoda quando decidete di dedicarvi alla fotografia di strada quando le variazioni di luce cambiano di continuo, perché viene sera o perché vi infilate in vicoli bui o perché ponete il vostro sguardo su cortili, e giardini, e scale interessanti. Inoltre, ho notato che il programma di gestione della AUTO-ISO sceglie dei valori di ISO minori di quelle che velocemente avrei impostato io consentendomi di ottenere complessivamente un controllo più preciso sull’esposizione.

Ricordate quindi, professionisti! L’uso degli automatismi della vostra macchina fotografica possono essere un grande vantaggio in quelle situazioni nella quale tutta la vostra attenzione deve essere dedicata nel cogliere quella porzione di realtà interessante, permettendovi di non perdere tempo con gli aspetti più tecnici (ISO, tempo, diaframma).

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *