News

0

Personalità effervescente e anticonformista, si è fatto notare come “giovane ribelle”, accanto a James Dean, in Gioventù bruciata (1955) e Il gigante (1956), legando in seguito il proprio nome alla breve stagione hippy e antiautoritaria del cinema americano dei tardi anni sessanta: il suo esordio dietro la macchina da presa, Easy Rider (1969), è infatti divenuto il film-manifesto dell’epoca, nonché una delle pellicole fondamentali della New Hollywood. Indimenticabile il fotoreporter di Apocalypse Now (1979) di Francis Ford Coppola. Pochi sanno che oltre ad essere un attore e regista era anche un fotografo.
Debilitato dalla malattita ci ha lasciato il 29 maggio di quest’anno.

Fotografavo perché speravo di essere in grado di dirigere un film. Ecco perché non ho mai tagliato una delle fotografie, sono tutte a pieno formato.
Dennis Hopper

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *