News

0

Personalità effervescente e anticonformista, si è fatto notare come “giovane ribelle”, accanto a James Dean, in Gioventù bruciata (1955) e Il gigante (1956), legando in seguito il proprio nome alla breve stagione hippy e antiautoritaria del cinema americano dei tardi anni sessanta: il suo esordio dietro la macchina da presa, Easy Rider (1969), è infatti divenuto il film-manifesto dell’epoca, nonché una delle pellicole fondamentali della New Hollywood. Indimenticabile il fotoreporter di Apocalypse Now (1979) di Francis Ford Coppola. Pochi sanno che oltre ad essere un attore e regista era anche un fotografo.
Debilitato dalla malattita ci ha lasciato il 29 maggio di quest’anno.

Sonno come tutti gli artisti che vogliono ingannare la morte e contribuire in qualche modo alla prossima generazione.
Dennis Hopper

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *