News

1

Personalità effervescente e anticonformista, si è fatto notare come “giovane ribelle”, accanto a James Dean, in Gioventù bruciata (1955) e Il gigante (1956), legando in seguito il proprio nome alla breve stagione hippy e antiautoritaria del cinema americano dei tardi anni sessanta: il suo esordio dietro la macchina da presa, Easy Rider (1969), è infatti divenuto il film-manifesto dell’epoca, nonché una delle pellicole fondamentali della New Hollywood. Indimenticabile il fotoreporter di Apocalypse Now (1979) di Francis Ford Coppola. Pochi sanno che oltre ad essere un attore e regista era anche un fotografo.
Debilitato dalla malattita ci ha lasciato il 29 maggio di quest’anno.

Penso alle mie fotografie come a dei quadri perché non ho mai tagliato, manipolato o altro. Per me, le fotografie sono come degli ogggettti trovati
Dennis Hopper

Comments ( 1 )

  • Takahiro says:

    I agree with the first comment – the bird’s nest hrdiao… and the sophisticated/fun colour. It manages to pull it to a higher level, giving the look a more interesting vibe and deeper personality. I adore the clashing florals and, with that, the gold accessories… the gold handbag and the wonderful way that she has TWO so different handbags.Oh, and photo-wise, the insouciance with which she holds her glasses gives it an edge.A beautiful example of how style is not affected by age.Chapeau!

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *